Trattamento delle varici

Le varici agli arti inferiori sono una patologia comune, le quali, esteticamente parlando, diventano più evidenti durante l’estate, quando le vene varicose si gonfiano ancora di più. Si tratta di vene superficiali (soprattutto agli arti inferiori) che si dilatano e rimangono definitivamente gonfiate. Spesso, tale patologia, è congenita ed è favorita da una serie di fattori quali obesità, gravidanza, una vita oziosa priva di attività fisica nonché un’età inoltrata. Oltre alle vene varicose superficiali, visibili, esistono anche le cosiddette varici secondarie, causate dalle flebiti delle vene profonde delle gambe. Si tratta di una malattia cronica, molto comune nei paesi industrializzati che colpisce di più le donne, mentre negli uomini si manifesta soprattutto a causa di motivi di lavoro (persone che sono costrette a rimanere per un lungo periodo in piedi come baristi,camerieri ecc.)
La debolezza della parete venosa (meiopragia) è spesso ereditaria e provoca alle vene una dilatazione sotto la pressione del reflusso sanguigno. Nonostante si tratti di una patologia benigna, è pur sempre un problema estetico e funzionale, a causa dell’irregolare circolazione del flusso di sangue che va dalla periferia al cuore (stasi venosa). Alcune persone lamentano gonfiori, sensazione di prurito, bruciore o crampi ai polpacci. Negli individui che soffrono di varici superficiali, quest’ultime sembrano come delle vene tortuose, spesse e scure situate sotto la cute. Inoltre, si riscontrano segni dell’insufficienza venosa cronica tra cui la discromia, l’edema periferico, le aree iperpigmentate ed eventualmente le cicatrici ulcerose. Le persone affette da varici venose profonde, di solito hanno le gambe esili con teleangectasie (piccoli capillari rossi) diffuse sulla cute. Questi ultimi sintomi sono quelli di una patologia osteo-articolare cronica tra cui le artrosi, che possono aggravare ulteriormente l’insufficienza venosa. Nella cute si evidenziano discromie, aree iperpigmentate, macchie bianche di natura atrofica, edemi venosi ed eventualmente cicatrici ulcerose. La malattia può complicarsi e degenerare in ulcere venose della cute e varico-flebite. Quest’ultima è una trombosi venosa la quale può causare dolore alle gambe. Oltre alla visita clinica, un esame molto importante per la diagnosi dei problemi delle vene varicose è l’echo-color-doppler che serve alla programmazione della terapia medica e chirurgica. I sintomi e le possibili complicanze, richiedono un programma terapeutico per il trattamento di questa patologia, che prevede un trattamento medico con farmaci o chirurgico.
I chirurghi estetici di KEIT® suggeriscono questo intervento nei casi in cui:

  • le vene varicose sono evidenti e costituiscono un problema estetico,
  • si presentano delle complicazioni varicose tra cui insufficienza venosa, trombosi, flebite, ulcere della cute ecc.


Perché scegliere KEIT®:
  • Tariffe MOLTO COMPETITIVE, pagamenti rateali.
  • Chirurghi plastici italiani con esperienza decennale ed alta professionalità.
  • Interventi eseguiti in cliniche private di alto livello a Tirana e Roma.
  • Massimo rispetto della RISERVATEZZA e della PRIVACY di ogni persona.
  • Ogni individuo viene seguito regolarmente dopo l´intervento chirurgico fino alla sua completa guarigione e recupero.
  • Staff di anestesisti altamente qualificato che garantisce il decorso ottimale dell´intervento.
  • Totale garanzia sull’igiene e la sterilità, bassissima percentuale di complicanze.
  • Tecnologie MODERNE, materiali di altissima qualità, dei più prestigiosi marchi a livello internazionale.
  • Trattamenti estetici con risultati ottimali in base ai più alti standard europei.
  • CERTIFICATO DI GARANZIA ESCLUSIVA KEIT®